buzzoole code

Calcolare Orario Alba e Tramonto della Propria Città

Mi serviva conoscere l’orario per uscire al mattino presto in bicicletta senza trovarmi in mezzo al traffico, e godere delle prime ore del giorno.
In questo modo mi carico di energia e sto pimpante per il resto della giornata.
Mi chiedevo come fare però per godere al massimo dell’alba e del mattino presto in generale, inizialmente ho risolto mettendo la sveglia abbastanza presto, poi ho voluto fare di più per godere del mattino; però per farlo dobbiamo conoscere l’orario di alba civile della nostra città.

In parole povere, l‘alba civile è quando, prima del sorgere del sole, possiamo già distinguere chiaramente tutti gli oggetti e fare attività fisica all’aperto senza usare fonti di luce artificiale.
alba

Personalmente mi sono abituato a rimettere la sveglia 2-3 volte a settimana prima dell’alba civile, giusto il tempo per fare colazione e partire.
Trovo tutto il resto del mondo a dormire, salvo qualcuno che va a lavorare, e qualche altro pazzo che si sveglia tanto presto per fare sport. Mi godo in questo modo lo spettacolo dell’alba, l’aria fresca del mattino e un silenzio quasi surreale.

Veniamo a noi, se vogliamo conoscere con esattezza l‘orario di alba e tramonto in una certa località come facciamo?

Ci servono:

  • Coordinate geografiche (latitudine e longitudine)
  • Altitudine sul livello del mare
  • Fuso orario
  • Giorno dell’anno

Per procurarci le coordinate possiamo usare il nostro navigatore satellitare. In alternativa, nel caso in cui non vogliamo usare il navigatore o non ce l’abbiamo, possiamo usare Google Earth, che  ci fornirà latitudine, longitudine ed altezza sul livello del mare, semplicemente passando con il mouse sopra la località desiderata.

google-earth-coordinate

Se, come nel mio caso, le coordinate sono in formato gradi, minuti, secondi, sempre da Google Earth andiamo sul menù strumenti -> opzioni e scegliamo l’opzione “gradi decimali”.

A questo punto conosciamo le coordinate geografiche, dobbiamo vedere il fuso orario.
Per l’Italia è +1, se ci serve per altre nazioni possiamo consultare questo sito.
Adesso andiamo su meteo.sm e quindi inseriamo i dati che abbiamo appena ottenuto e facciamo click su “Invia”.

Ci vengono molte fornite informazioni circa l’alba (crepuscolo mattutino) e il tramonto (crepuscolo serale).
Ci viene fornita la durata del giorno e a che ora il sole raggiunge lo zenit.
Interessanti anche le informazioni circa l’andamento degli orari di alba, tramonto e durata del giorno in termini annuali espressi con dei grafici.

Per quello che riguarda le varie definizioni di alba e tramonto (alba civile, alba nautica, alba astronomica, tramonto civile, tramonto nautico, tramonto astronomico), si definiscono come:

Crepuscolo civile

Per crepuscolo civile si intende il lasso di tempo che intercorre tra il tramonto del Sole e il momento in cui esso raggiunge l’altezza di -6° sotto l’orizzonte.
In questo intervallo è possibile distinguere chiaramente gli oggetti circostanti e condurre attività all’aperto senza utilizzare illuminazione supplementare.
Durante il crepuscolo civile in cielo sono visibili solo alcune stelle e pianeti particolarmente luminosi.
L’inizio (il mattino) o il termine (la sera) del crepuscolo civile indicano idealmente il momento in cui è necessario rispettivamente spegnere o accendere fonti di illuminazione artificiale per condurre attività all’aperto.

Crepuscolo nautico

Il crepuscolo nautico rappresenta l’intervallo di tempo che il Sole impiega a transitare da -6° a -12° sotto l’orizzonte.
L’importanza di tale convenzione risiede nel fatto che in questo lasso di tempo si distinguono contemporaneamente la linea dell’orizzonte e le stelle principali.
In tali condizioni, utilizzando strumenti di calcolo nautico come il sestante, è possibile stabilire la propria collocazione geografica.

Crepuscolo astronomico

Il crepuscolo astronomico individua l’intervallo di tempo tra il tramonto e il momento in cui il Sole raggiunge i -18° sotto l’orizzonte.
Quando il Sole si trova al di sotto di questo intervallo non dà più sostanziali contributi all’illuminazione del cielo ed è idealmente possibile distinguere ad occhio nudo tutte le stelle fino alla sesta magnitudine.

Questo Blog è Indipendente e Supportato Solamente dai suoi Lettori.
Se vuoi sostenerlo, Condivi il Post sui Social Network:
Aggiungi il nostro sito alla Whitelist di Adblock Plus
e magari Fai Anche un Acquisto su Amazon partendo da Qui
(a te non costa nulla!).
  • enrico

     grazie !!molto utili queste info