buzzoole code

Come Installare e Configurare Emule, Guida Completa (parte 1)

La corretta configurazione di eMule al primo avvio è fondamentale per il funzionamento del programma. Emule, è uno dei più utilizzati client p2p del mondo, cioè è un programma che può scambiare file su Internet fra utenti diversi (anche a migliaia di km), può collegarsi sia alla rete eDonkey (formata da client e server) sia alla rete Kademlia (creata con eMule stesso e priva di server).

Queste reti hanno lo scopo di caricare le liste file degli utenti connessi, in modo che altri possano effettuare ricerche e trovare l’elenco degli utenti da contattare per scaricare un determinato file.
I server non forniscono alcun file e i download non vengono richiesti ai server, ma direttamente ad altri utenti.
Il network eDonkey non utilizza un solo server centrale ma decine di server sparsi nel mondo che sono di proprietà di volontari che li tengono accesi, pagandosi le spese di mantenimento.

Ogni server è indipendente dagli altri e non comunicano fra loro, se iniziate a scaricare un file, il server a cui siete collegati vi invia un numero ridotto (10-15) di risultati (cioè di indirizzi IP di altri utenti che hanno tutto o parti di quel file), in seguito eMule stesso, tramite lo scambio delle liste di utenti (scambio fonti), trova tutti coloro che nel mondo hanno il file in questione.

Se siete collegati a Kademlia, invece, voi stessi fate sia da server sia da client, tenendo conto dei file condivisi dagli altri e rispondendo alle loro ricerche (l’operazione è molto sofisticata, per rendere quasi nullo il consumo di banda e di CPU).
Kademlia è stato ottimizzato per funzionare simultaneamente al collegamento con i server, perciò se rimanete agganciati a entrambe le reti avrete il massimo di efficienza.

eMule, la prima volta che lo usate può sembrare un programma di difficile utilizzo, questo perché le possibilità di scelta dell’utente sono molto più ampie di qualsiasi altro programma del genere (questo per accontentare anche gli utenti più smanettoni).
Per iniziare a utilizzare correttamente eMule, è necessario seguire con un certo ordine alcune operazioni di base, per non rischiare pasticci e andare a colpo sicuro.

Iniziate con lo Scaricare ed installare eMule, potete trovare l’ultima versione di eMule da questo link.
Conviene scegliere sempre la versione installer, adatta sia a nuove installazioni sia ad aggiornamenti di versioni più vecchie.

Dopo aver cliccato sul link per scaricare eMule, vi comparirà una nuova pagina e dovrete solo attendere un paio di secondi e automaticamente il computer vi chiederà di salvare il file sul disco.

Se ricevete un avviso da Internet Explorer con una barra in alto che vi dice: “Per facilitare la protezione è stato bloccato il download di file dal sito.
Fare clic qui per ulteriori opzioni”, dovete cliccarla e scegliere la voce scarica file per autorizzarlo.
Una volta completato lo scaricamento, dovete cliccare sul file per fare partire la procedura di installazione.

Installazione su Windows

Fate doppio clic sul file che avete scaricato e che avrà un nome simile a eMule0.50a-Installer.exe. Come prima cosa vi chiederà la lingua (Figura 1), poi si aprirà una finestra di benvenuto in cui dovrete cliccare il tasto avanti.

installer_emule

Figura 1

Cliccate ora sul tasto accetto per presa visione della licenza d’uso.
Vi comparirà a questo punto la scelta dei componenti da installare, cliccate su avanti senza modificare nulla, come si vede nella figura 2.

Figura 2

Figura 2

A questo punto vi sarà chiesto dove scrivere i file del programma.
Se ci sono diversi utenti che usano lo stesso computer, ciascuno col proprio account, e si vuole creare una copia di eMule per ogni singolo utente senza che essi interferiscano tra loro, allora selezionate la prima casella.

Se invece si vuole usare eMule in condivisione, cioè la stessa copia per tutti gli utenti che accedono al pc, allora selezionate la terza casellina, come mostrato nella figura 3.

Figura 3

Figura 3

Attenzione: è fortemente sconsigliato l’uso della seconda casellina, per evitare errori causati dai permessi sulle cartelle impostati da Windows.

Fatta la scelta cliccate su avanti per proseguire nella procedura.
Senza modificare nulla nel percorso della cartella di destinazione, cliccate su installa per confermare (Figura 4).
Attendete la procedura di installazione e cliccate per ultimo su fine.

Figura 4

Figura 4

Wizard al primo avvio

Al primo avvio di eMule partirà in automatico il wizard per la configurazione guidata delle opzioni base del programma, da qui sarà possibile scegliere alcune impostazioni di eMule attraverso una serie di operazioni estremamente semplici.
Tutte le scelte che effettuate nel wizard potrete poi modificarle successivamente dalla finestra opzioni.

Se in futuro pensate di aver “smanettato” troppo con le opzioni di eMule e non riuscite a sistemare le cose, potete cancellare, ad eMule chiuso, il file preferences.ini nella cartella config e al successivo riavvio ripartirà il wizard esattamente come la prima volta, ricreando automaticamente il file preferences.ini (non verrà perso alcun file che state scaricando).

Nella prima finestra che vi si apre basta cliccare sul tasto avanti (Figura 5).

Figura 5

Figura 5

La seconda schermata del wizard vi permette di inserire un nickname, come si vede nella figura 6.

Figura 6

Figura 6

Quello predefinito, se non lo modificate, è http://emule-project.net (ecco perché ci sono così tanti utenti che lo usano).
È possibile avere nel network più nick identici perché non servono per riconoscere il vostro eMule in mezzo agli altri, ciò che distingue un eMule dall’altro è infatti lo user-hash generato all’avvio la prima volta.

Il cambio del nick, comporta, solo un diverso nome per gli altri che vi vedono collegati, senza nessuna perdita di crediti.
Nella stessa finestra di dialogo viene chiesto se si desidera far partire eMule all’avvio di Windows e se si desidera connettere eMule all’avvio.
Entrambe le opzioni sono sconsigliate per gli utenti alle prime armi.

Su computer datati e lenti, eseguire eMule all’avvio è un rallentamento eccessivo del sistema, mentre la connessione automatica è da evitare, perché normalmente la linea ADSL non è collegata quando si accende il computer e inoltre perdete la possibilità di scegliere il server a cui collegarvi (questa scelta è poco importante perché i server sono tutti uguali, voi non scaricate dai server, perché essi vi danno solo l’elenco degli utenti che hanno un file che vi interessa, meglio scegliere però quelli con molti utenti).

Emule, per dialogare con gli altri, usa molte porte di comunicazione, ma due sono particolarmente importanti.
Una con protocollo TCP, che serve essenzialmente per trasferire i file, e una con protocollo UDP indispensabile nella rete kad (Figura 7), eMule imposta le porte scegliendo un valore a caso al primo avvio (qualsiasi valore inferiore a 65535 infatti va bene, purché le porte siano raggiungibili dall’esterno).

Figura 7

Figura 7

Di recente implementazione in eMule è UPnP, un protocollo che permette di aprire automaticamente le porte su alcuni modelli di router compatibili con questo standard.

Non tutti i modelli in commercio lo supportano, ma tentar non nuoce.
Cliccate quindi su usa l’upnp per impostare le porte e attendete che la barra sottostante si riempia (Figura 8).

Figura 8

Figura 8

Se avrete risposta affermativa, potrete considerarvi fortunati ed eMule si connetterà senza problemi con ID Alto senza che voi dobbiate configurare nulla in più.

Nel caso più comune, invece, il risultato sarà quello che vedete nella figura 9.

Figura 9

Figura 9

Se si verifica questa eventualità, allora significa che siete stati sfortunati: dovrete configurare manualmente il firewall e/o il router per far comunicare eMule correttamente con il resto del mondo.

Attenzione: non vi fidate del risultato della funzione testa porte perché spesso vi dice che sono bloccate anche se non è vero.
Al passo successivo viene chiesto all’utente come desidera che venga gestita la priorità sia in download che in upload (Figura 10).

Figura 10

Figura 10

È consigliabile lasciare il segno di spunta a entrambe le opzioni eMule farà tutto in automatico: in download impedirà ai file con tante fonti di intralciare i file con poche fonti, e in upload eMule darà automaticamente preferenza ai file poco condivisi, in modo da ottimizzare la diffusione dei file più rari nel modo più omogeneo possibile.

Successivamente vi verrà chiesto se volete attivare la funzione di offuscamento (Figura 11), lasciatela abilitata.

Figura 11

Figura 11

Sappiate che male non fa, e che in alcuni casi porta vantaggi, perché eMule cercherà di “nascondere” i dati che scambia quando comunica con gli altri, in modo da cercare di impedire che il vostro provider, analizzando i pacchetti, possa riconoscerli, rallentando lo scaricamento.

Nella schermata successiva viene chiesto all’utente quale rete si desidera utilizzare (Figura 12).

Figura 12

Figura 12

La rete ed2K

La rete ed2K è quella tradizionale che utilizza i server per mettere in comunicazione i client.
Kad è invece la nuova rete serverless (senza server) che permette di contattare le fonti svincolandosi dalla presenza o meno di un server di comunicazione.
Procediamo in questo modo: è consigliabile attivare entrambe le reti, dato che in questo modo le possibilità di contattare una fonte crescono.

Infatti, se per un qualsiasi motivo una fonte utile si rende non disponibile tramite l’utilizzo dei server, questa potrebbe essere ugualmente contattata utilizzando la rete kad, e viceversa.
Chiaramente, ciò avviene nella misura in cui i client utilizzano entrambe le reti.
Attivate anche la voce connessione sicura, in quanto evita la possibilità di inserimento nella black list da parte di un server e l’assegnamento di falsi ID bassi.

A questo punto la procedura guidata è quasi giunta al termine, eMule vi ricorda, nella finestra di dialogo di figura 13, che quanto si è fin qui impostato è sempre modificabile cliccando in alto sul tasto opzioni.

Figura 13

Figura 13

Premendo il tasto fine apparirà la schermata in cui indicare la velocità della vostra linea Internet (Figura 14).

Figura 14

Figura 14

La finestra si divide in tre sezioni:

  1. Sistema Operativo.
  2. Download Simultanei: lasciate pure la spunta su 1-5 (cambia solo il valore di “Fonti Massime per File” in Opzioni/Connessione)
  3. Tipo Connessione: qui bisogna inserire la capacità della propria connessione Internet.

Se volete continuare a leggere la Guida su come installare e configurare Emule, troverete qui la seconda parte.

Questo Blog è Indipendente e Supportato Solamente dai suoi Lettori.
Se vuoi sostenerlo, Condivi il Post sui Social Network:
Aggiungi il nostro sito alla Whitelist di Adblock Plus
e magari Fai Anche un Acquisto su Amazon partendo da Qui
(a te non costa nulla!).