buzzoole code

Neutralità della Rete: USA e Italia

rete internet

Dopo l’articolo di pochi giorni fa, riporto due notizie, la prima comparsa oggi su Linux.it:

Il presidente Obama ha nominato Julius Genachowsk a capo dell’FCC, Genachowsk fa parte, tra le altre cose, del consiglio di IAC/InterActiveCorp che a sua volta di Open Internet coalition che dovrebbe supportare la neutralità della rete.

E poi quest’altra notizia:

Gabriella Carlucci, deputato del Popolo della Libertà, vuole mettere fine all’anonimato online.
La sua nuova proposta di legge, intitolata Internet territorio della libertà, dei diritti e dei doveri, si propone come strumento di lotta al crimine.

“Non si può non essere consapevoli del fatto che le misure introdotte da questa proposta di legge non potranno risolvere tutti i problemi che attualmente osserviamo con sempre maggiore frequenza, ma certamente essa potrà avere una immediata e positiva ripercussione isolando i fenomeni più gravi”, ha sottolineato l’onorevole nella sua introduzione.

E per fenomeni più gravi Carlucci intende soprattutto quello della pedofilia online – ha rivelato con una lettera a WebNews.
Il problema di fondo è che l’anonimato e le eventuali attività correlate non hanno sempre lo stesso valore. Come hanno fatto notare numerosi osservatori sarebbe stato meglio ribaltare il concetto di base: quindi attivare il divieto solo per un numero ristretto di casi.
Si pensi ad esempio alle chat frequentate da minori…
A mio parere non è chiaro quali siano i reali intenti di questa proposta, già claudicante in partenza a causa di un falso riferimento “al territorio della libertà”.

Se si propone di eliminare un cosa, mi pare che si tratti di una restrizione. O no?
Comunque, a parte questo inciampo l’aspetto più preoccupante è un altro. Pare che nelle Proprietà del documento pubblicato dalla Carlucci sia leggibile chiaramente il nome dell’autore e l’azienda di riferimento.
Niente di male.

È normale che un politico si affidi alla consulenza di un professionista del settore.
Se non fosse che in questo caso il firmatario è tal Davide Rossi, Presidente di Univideo – Unione Italia Editoria Audiovisiva.
In pratica si tratta dell’associazione di Confindustria che cura gli interessi “di Produttori, Distributori e Importatori di Opere e Supporti Audiovisivi e Multimediali (quali a titolo esemplificativo videogrammi, prodotti di Editoria Elettronica, Videogiochi, etc…)”.

Ricapitolando, Carlucci rende nota una proposta di legge per abolire l’anonimato online. La difende da ogni attacco sbandierando il pericolo della criminalità, e soprattutto della pedofilia online e alla fine si scopre che la redazione del documento è stata curata praticamente dagli editori cinematografici, e non.
Con chiari intenti di censurare la rete e il P2P.

Questo Blog è Indipendente e Supportato Solamente dai suoi Lettori.
Se vuoi sostenerlo, Condivi il Post sui Social Network:
Aggiungi il nostro sito alla Whitelist di Adblock Plus
e magari Fai Anche un Acquisto su Amazon partendo da Qui
(a te non costa nulla!).
Tags: