Come Installare VirtualBox 6.0 su Ubuntu


come installare virtualbox ubuntu

VirtualBox ha rilasciato una nuova major release, la 6.0 per chi non lo conoscesse VirtualBox è un software di virtualizzazione commerciale proprietario (con una versione ridotta distribuita secondo i termini della GNU General Public License) sviluppato da Oracle Corporation.

Questa nuova versione di VirtualBox, la 6.0 include importanti novità, il primo cambiamento è quello dell’interfaccia grafica, che è ora più semplice nella creazione di nuove applicazioni e macchine virtuali.
VirtualBox 6.0 permette inoltre di esportare le proprie macchine virtuali direttamente verso Oracle Cloud, in un accentramento verso il cloud che fa sempre più parte della strategia di Oracle.
Viene inoltre introdotto un gestore dei file per gestire il trasferimento di file tra la macchina ospitante e la macchina ospite in maniera più semplice rispetto al passato. Sempre riguardo la condivisione dei file, viene ora supportata la funzionalità delle cartelle condivise su OS/2, inoltre:

  • Implemented support for exporting a virtual machine to Oracle Cloud Infrastructure
  • User interface: greatly improved HiDPI and scaling support, including better detection and per-machine configuration
  • Major rework of user interface with simpler and more powerful application and virtual machine set-up
  • User interface: a new file manager enabling user to control the guest file system and copy files between host and guest.
  • Graphics: major update of 3D graphics support for Windows guests, and VMSVGA 3D graphics device emulation on Linux and Solaris guests
  • Added support for surround speaker setups (as used by Windows 10 Build 1809)
  • Added utility vboximg-mount on Apple hosts to access the content of guest disks on the host
  • Added support for using Hyper-V as the fallback execution core on Windows host, to avoid inability to run VMs at the price of reduced performance

Virtualbox 6.0 essendo una major release introduce molte novità rispetto alla versione precedente 5.2.

Tra le nuove caratteristiche e correzioni ci sono:

  • User interface: video and audio recording can now be separately enabled
  • Audio/Video recording fixes and improvements
  • Audio: better support for attaching and detaching remote desktop connections
  • Serial port emulation fixes
  • Serial ports: allow changing the serial port attachment while a machine is running
  • Networking: Added a workaround for older guests which do not enable bus mastering for the virtio PCI device
  • Networking: fixed wrong RCODE from DNS AAAA query with –natdnshostresolver1
  • Transparently resize disk images when merging if possible
  • VBoxManage: support for DHCP options
  • Guest Control: various new interfaces and features (see SDK documentation)
  • Guest Additions: improved shared folder auto-mounting
  • Windows Guest Additions: fix incorrect tablet co-ordinate handling with recent Windows 10 builds
  • Linux Additions: fix for building vboxvideo on EL 7.6 standard kernel, contributed by Robert Conde
  • Linux guests: support Linux 4.20 (thank you Larry Finger)
  • Linux guests: support VMSVGA in the Linux and X11 Additions
  • MacOS Guest Additions: initial support
  • OS/2 Guest Additions: initial shared folder support
  • BIOS fixes
  • ACPI: Up to four custom ACPI tables can now be configured for a VM

Il Changelog completo comunque lo trovate in questa pagina.

Usando VirtualBox, si sarà in grado di installare altri sistemi operativi guest (ognuno chiamato Guest OS) ognuno indipendente dall’altro con un proprio ambiente virtuale e usarli contemporaneamente su un solo pc e di poter passare da un sistema all’altro in tempo reale con tanto di copia e incolla, condivisioni delle periferiche, connessione internet.

Con VirtualBox possiamo installare anche decine di sistemi operativi, ad esempio sul vostro computer potete installare e utilizzare Windows (NT 4.0, 2000, XP, Server 2003, Vista, Windows 7, Windows 8, Windows 8.1), DOS/Windows 3.x, Linux (2.4, 2.6 and 3.x), Solaris e OpenSolaris, OS/2 e OpenBSD.

Installare VirtualBox tramite Pacchetti

Tutto ciò che dovete fare è scegliere dalla seguente lista il vostro pacchetto ed installarlo con un semplice doppio click:

  • Ubuntu 18.04 (“Bionic”)/ Ubuntu 18.10  AMD64
  • Ubuntu 16.04 (“Xenial”) AMD64
  • Ubuntu 14.04 (“Trusty”) AMD64

Installare VirtualBox tramite Repository

Primo passo: Installare chiave Autenticazione del Repository di VirtualBox

Prima bisogna aggiungere la chiave pubblica, per far questo aprite un Terminale e incollateci il seguente comando:

Secondo passo: Aggiungere il Repository

Adesso bisogna aggiungere il repository, a seconda della versione di Ubuntu che stiamo usando.
Apri con l’editor di testo Gedit il file sources.list:

Ora a seconda della versione di Ubuntu installata sul tuo PC incolla nel file di testo la riga corrispondente:

Per Ubuntu 18.04 Bionic Beaver:

Per Ubuntu 16.04 Xenial Xerus:

Per Ubuntu 14.04 Trusty Tahr:

Ora, dopo aver incollato la riga, salvate e chiudete l’editor di testo.

Installare VirtualBox 6.0 in Ubuntu Bionic, Trusty e Xenial

Dopo aver aggiunto il Repository e la chiave di autenticazione è sufficiente effettuare le seguenti operazioni nel terminale per installare VirtualBox 6.0 in Ubuntu Bionic, Xenial o Trusty.

Vi consiglio di installare anche il pacchetto relativo alle estensioni di VirtualBox che potete scaricare da questa pagina, una volta installato aprite VirtualBox andate su File -> Impostazioni e nella scheda Estensioni cliccate sul pulsante per aggiungere un’estensione e selezionate l’estensione appena scaricata.

Se usate un’ altra distribuzione diversa da Ubuntu, visitate VirtualBox Download Page.
Bisogna ricordare anche che nel Software Center di Ubuntu è presente anche la versione open source di VirtualBox, basta cercare virtualbox-ose.

Aspetta! Ti Potrebbe Interessare Vedere Anche:


avatar
  Subscribe  
Notificami