buzzoole code

Hardware Linux Compatibile – prima parte

Kernel-Linux-LogoMolti di quelli che mi seguono sono utenti windows, un’altra parte (circa il 60% delle visite che ricevo) è utente linux.

Ora, se uno dei miei carissimi utenti windows volesse passare a linux? Quali sono i problemi?

Il principale ne è uno: la compatibilità con l’hardware.
Molti costruttori dichiarano che il loro hardware è linux-compatibile, ma poi alla resa dei conti si scopre che questo non è sempre vero.

Decidendo quali particolari mettere nel proprio PC perché possa girare una qualunque distribuzione GNU/Linux, allora potremmo imbatterci in un casino di dettagli sulla compatibilità del nostro hardware.
In molti casi si rende necessario valutare schede video, schede audio, scanner, stampanti, ecc per essere sicuri che tutto giri correttamente sotto linux. Per fortuna, un aiuto in tutto questo è disponibile.

Molti di voi, diranno: la maggior parte dell’hardware è compatibile con linux, e negli ultimi tempi, vista la crescente diffusione del nostro SO preferito, abbiamo molti meno problemi rispetto al passato.

Oggi, esistono offerte per l’hardware di ogni tipo: dalle schede madri agli hard disk, dalle tastiere alle schede di rete.. tutti questi dispositivi lavorano sotto linux senza tanti problemi.Comunque, la maggior parte dei dispositivi (praticamente tutti) sono fatti per lavorare in piena compatibilità su Windows, e, a volte su Mac OSX.
Naturalmente, se pensate per un momento, qualche problemino di hardware lo avete avuto, ad esempio una penna USB che deve essere messa e rimessa per essere letta, oppure il dover riavviare il pc per far funzionare correttamente il nuovo software o la nuova stampante.

Anche se potete prendere molti pezzi per il vostro PC, molti di essi, rimangono un “gioco d’azzardo”. Da quando qualche costruttore menziona il supporto a GNU/Linux per il loro pezzo, sul loro sito web, dovete girare su internet per ottenere maggiori informazioni. I risultati saranno immancabilmente decine di pagine, molte non aggiornate oppure incomplete, che solo qualche “guru” potrà comprendere perfettamente.

Quello che segue adesso, è un concentrato di siti web dove è possibile prendere informazioni al riguardo di schede video, e periferiche. Molti di questi siti, io li uso, per il mio lavoro, molto spesso, e vi garantisco che le informazioni che potrete trovare variano dall’essere vaghe ad essere pienamente esaustive. Spero che tutto ciò possa tornare utili ai vari assemblatori che forniscono GNU/Linux sui loro sistemi (come me) sia a chi vuol comperare un nuovo pc e scegliere la libertà.

Schede video

Se volete conoscere quali schede video sono supportate, avete due guide di riferimento principali.
Per driver liberi, potete andare a vedere il sito di X.org dove è riportata la lista delle schede supportate.
Per quello che riguarda i driver proprietari, invece, dovete andare a vedere il sito del costruttore.
Molta gente si concentra sui driver proprietarie di nVidia ad ATI, i due leader nella costruzione di schede video.
Potete andare a vedere, se siete interessati, il Nouveau Project, che sviluppa driver liberi per le schede nVidia.
Il progetto Avivo, invece, sviluppa driver liberi per le schede R500 ed R600 di ATI, ma, al momento non hanno rilasciato niente.

Se volete una scelta consapevole tra driver proprietari e liberi, la vostra scelta dovrà essere basata puramente sulle vostre preferenze “filosofiche”.
Comunque sia, la vostra scelta dovrà essere funzionale.
Qualunque cosa diciamo, dovremo essere consapevoli del fatto che i driver liberi per ATI e nVidia, tendono a non essere il massimo per quello che riguarda il supporto al 3D.

I driver proprietari di ATI tendono ad essere lenti e pieni di falle. Per quello che riguarda invece nVidia, si hanno driver veloci, ma con qualità variabile (Chi di voi utenti linux da un po’ non ricordano la storia del “cubo bianco” che affliggeva molti di noi?).

In sostanza: nessuna di queste soluzioni è in grado di soddisfarci in pieno.
Un’altra considerazione che è necessario fare, è fatta in base alla politica della distribuzione che poi andremo a mettere sulla nostra macchina.

Ad esempio, distribuzioni commerciali, quali Linspire e Xandros, danno ai loro utenti driver proprietari, mentre Ubuntu, fornisce di default driver liberi, ma include uno strumento (il “gestore driver con restrizioni”) con il quale potete facilmente installare driver proprietari, mentre Debian offre driver proprietari sui suoi repositories non liberi.
Fedora 7 è stata invece una delle prime a mettere i driver liberi di Noveau per le schede video nVidia. Qualunque siano i driver che installate sulla vostra distribuzione, pacchetti in formato nativo e repositrories, vi forniscono una facile via per scegliere cosa mettere sulla vostra distribuzione

Schede audio

Non c’è un solo indirizzo che contiene informazioni complete e per quello che riguarda l’acquisto consumer di schede video.
Per una buona lista di schede GNU/Linux-compatibili, potete andare sul sito del Linux Sound. Potreste anche essere bravi nel setacciare le varie mailing list degli sviluppatori audio per linux.

Un’altra, buona, fonte di informazioni per il Soundcard Matrix degli utenti Linux avanzati e per il Sound Architecture project, che lavora intorno al supporto sonoro di molte distro moderne.Matrix non è più aggiornata dal 5 maggio 2007, ed il suo wiki è incompleto (al momento)intanto potete trovare informazioni sulla vecchia pagina.
Matrix dà informazioni dettagliate per ogni driver fornito dagli sviluppatori. Se trovate una scheda inserita, ma senza commenti, potete star certi che il tutto funzionerà bene nella maggior parte delle distribuzioni.

Stampanti

Potete trovare funzionalità di base su GNU/Linux, per ogni tipo di stampante, che supporti il linguaggio di stampa PostScript, grazie ai driver liberi di HP (Hewlett-Packard).
Comunque, se volete informazioni dettagliate, soprattutto per quello che riguarda le stampanti multifunzione (stampante + scanner ed a volte anche fax) potete andare a controllare sul sito della Linux Foundation’s Printer Compatibility Database, che fa parte della fondazione Linux per la stampa aperta (formalmente LinuxRrinting.Org)

Il Printer Compatibility Database rappresenta comunque la risorsa ideale per le stampanti.
Il suo database-stampanti è quasi completo, inoltre potete cercare la stampante desiderata in base al modello, al costruttore oppure ai driver.
Il supporto offerto per ogni modello, inoltre, è categorizzato su una scala a quattro punti: Perfectly, Mostly, Partially, e Paperweight.

Il database contiene poi informazioni circa il driver, come lavora ogni stampante, e sono disponibili anche informazioni dettagliate sulla configurazione, ed informazioni sulla risoluzione supportata.
È inoltre molto viva la partecipazione degli utenti: lasciano commenti in proposito dei vari driver.

Queste raccomandazioni sono in massima parte basate su quanto basato nell’ OpenPrinting forum, dove potete trovare ancora molti dettagli sui vari modelli.

Scanner

Se fate parte di quelli che fanno scansioni da una stampante multifunzioni, potete trovare informazioni a partire dal Printer Compatibility Database. Comunque, la fonte principale per tutti i tipi di scanner è il SANE project, ovvero Supported Scanners Search Engine (Motore di ricerca per gli scanner supportati), che vi dice qual’è il particolare scanner utilizzabile sotto GNU/Linux.

Generalmente, lo stato è o completo oppure non supportato, molte informazioni aggiuntive sono inoltre disponibili se il vostro scanner è vecchio di due o tre anni.
Sfortunatamente, molte delle ricerche necessitano che si conosca il produttore ed il modello specifico, oppure il productID, quindi si provvede a fornire una lista dalla quale scegliere. Per maggiori informazioni, potete comunque vedere il forum del progetto SANE

La seconda parte di questo articolo, la pubblico domani, non appena finisco di scriverla, anche perché sennò viene fuori un articolo troppo lungo!

Devo inserire le sezioni: fotocamere digitali, schede wireless, laptop notebook ed altri dispositivi mobili!

Questo Blog è Indipendente e Supportato Solamente dai suoi Lettori.
Se vuoi sostenerlo, Condivi il Post sui Social Network:
Aggiungi il nostro sito alla Whitelist di Adblock Plus
e magari Fai Anche un Acquisto su Amazon partendo da Qui
(a te non costa nulla!).