buzzoole code

Come fare per copiare a scuola, durante compito in classe o esame. Ecco la guida

studente-studioso

Non siamo sicuramente tutti quanti geni a scuola, ne tanto meno all’università. Capita talvolta qualche professore particolarmente pignolo, uno di quelli che vogliono le “definizioni a memoria“. Bè devo dire la verità, io e la memoria siamo due entità separate.

Non c’è verso per farmi ricordare una definizione, non ci riesco. Alle superiori quando facevo diritto ed economia la mia professoressa mi ha messo sei giusto per farmi andare all’esame… e questo la dice lunga!

Fosse qualcosa con una logica come una dimostrazione di matematica, allora si in quel caso mi è molto più facile ricordare i passaggi, come dire “uno tira l’altro”!
Ok, lunedì ho un’esame che non posso non superare. Studiare? Ho studiato fin troppo.

Però, come ho detto, non posso permettermi di non superarlo. Allora ci serve un piccolo aiutino, nel caso in cui qualcosa non la dovessi ricordare. Quindi ecco qua i migliori consigli per copiare, e ve li da uno con anni di esperienza sulle spalle!

  1. Il primo metodo consiste nel farsi un “foglietto a fisarmonica” consiste in un foglietto, molto lungo ma largo al massimo 4-5cm. Lo piegate a fisarmonica, e lo tenete in mano, ovviamente non quella con cui scrivete! Con questo sistema potete spaginare con il pollice il fogliettone e quindi metterci dentro un sacco di roba. Allenatevi a casa ad usarlo. Sono riuscito a metterci dentro quasi un intero libro! Come ho fatto? Ho praticamente riempito un foglio A3, ho fatto cinque fisarmoniche (ognuna in una tasca) che prendevo in base al capitolo che mi serviva…
  2. Un altro “classico“? Scrivete A PENNA tutta la parte interna del vostro foglio di protocollo, con la peggiore calligrafia di cui siete capaci, e se anche il prof viene li a controllarvi, dovete far finta di niente e con totale indifferenza CONTINUARE A COPIARE. Se vi allarmate, smettete di scrivere, il prof potrebbe dirvi “fammi vedere che hai qui”. Allora il segreto è continuare a scrivere, senza fermarvi e senza alzare la testa. Il prof se ne andrà. Garantito. Qualcuno quando usa questo metodo preferisce usare la matita. Io ho provato qualche volta, ma secondo me è molto meglio la penna. Non aprite il foglio di protocollo prima di un tot di tempo, altrimenti il professore potrebbe insospettirsi, ed usate una penna dello stesso colore di quella che userete al compito o durante l’esame.
  3. Desiderate un altro trucco infallibile e garantito? Attaccate i bigliettini nella parte interna della vostra maglia. In queso modo in un attimo la girate e vedete tutto. Questo è un’altro dei trucchi da usare, specie quando le cose da ricordare sono poche. Per esempio avete paura di non ricordare una formula al compito di matematica? Bene. Con questo trucco è tutto sotto controllo.
  4. Un trucco che ho usato spesso, specie quando il professore è uno di quelli che se ne stanno buoni in cattedra a cazzeggiare con il computer, è quello di prendere il libro cercando di aprirlo alla pagina desiderata. Fatelo con disinvoltura, non dovete mai dare l’impressione che state copiando. Non lanciate continuamente occhiate furtive verso il prof. Potrebbe insospettirsi.
  5. Un altro metodo consiste nel nascondere le cose sotto in mezzo alle gambe tenedole accavallate. Basta scostarle un attimo per leggere tutto in totale tranquillità.
  6. Un bel righello, di quelli seri, non trasparenti. Sotto ci attaccate quanti più fogliettini riuscite, ovviamente non si devono vedere!
  7. Nell’astuccio, arrotolati nella penna bic, quante ne ho provate! Quelli che ho scritto qua sono comunque i metodi “migliori”. Se ne avete altri scrivete pure nei commenti!

Tutto ok? Adesso tutti a farsi i foglietti!

Questo Blog è Indipendente e Supportato Solamente dai suoi Lettori.
Se vuoi sostenerlo, Condivi il Post sui Social Network:
Aggiungi il nostro sito alla Whitelist di Adblock Plus
e magari Fai Anche un Acquisto su Amazon partendo da Qui
(a te non costa nulla!).